Skip to content

Lavori socialmente utili

3 febbraio 2014

“Articolo ripreso dal Trentino del 21 gennaio 2014”

Giovedì, 23 Gennaio 2014 23:13

Valsugana e Tesino, aumentano le domande per i lavori socialmente utili

Valsugana. Sono aumentate rispetto all’anno scorso le domande per entrare a far parte dell’Intervento 19, meglio conosciuto come ex Azione 10. Le richieste sono passate da 222 a 239 unità.

La lista per i lavori socialmente utili è stata creata per aiutare le persone disoccupate che hanno difficoltà a trovare un’occupazione, e negli ultimi dodici hanno c’è stato una crescita esponenziale di questo tipo di richiesta.

“Dal 2003 ad oggi”, spiega il dott. Franco Libardi, responsabile del Centro per l’impiego di Borgo Valsugana, “sono passate da 94 a 239. Il 2013 ha visto a fronte di 112 quote assegnateci come Valsugana e Tesino, occuparsi a vario titolo circa 145 persone, quindi 77 potenziali lavoratori non hanno potuto accedere nemmeno a questa opportunità.

Le domande anche se in crescita sono comunque contenute per il 2014, se consideriamo dal punto di vista occupazionale il tragico anno 2013.”

Un altro dato da notare scorrendo le statistiche è che sono sopratutto i diversamente abili e i disoccupati segnalati dai servizi sociali ad aumentare. I primi, infatti, sono passati da 9 del 2003 a 52 del 2014 (quasi il 500% in +), mentre i i secondi da 35 del 2003 a 60 del 2014 (quasi il 100% in +) .

“E’ sopratutto la categoria dei diversamente abili”, spiega sempre Libardi, “a soffrire delle riduzioni aziendali, poiché riducendosi i numeri degli occupati si riducono gli obblighi di copertura previsti dalla L.68/99, producendo in questo modo sempre più iscritti disoccupati. “

Riguardo a quante di queste 239 persone riusciranno ad avere un lavoro, lo si saprà soltanto a fine febbraio. “Le quote, ovvero i posti di lavoro, vengono valutati sulla base degli anni precedenti e l’Agenzia del Lavoro cerca innanzitutto di poter garantire la copertura di quelle richieste, poi in una seconda fase vengono valutate e se possibile aggiunte le quote necessarie a coprire le nuove richieste.

Le quote poi possono avere un ulteriore passaggio ed essere nuovamente ripartite a seguito di abbandoni da parte dei lavoratori, oppure perché vengono in un secondo momento utilizzate a part-time. Infatti una quota “intera” può essere utilizzata esattamente per dare un lavoro a orario ridotto a due persone.”

I progetti sono prevalentemente sviluppati nella pulizia, abbellimento di siti centrali ai paesi come vie, piazze, giardini, aiuole, fioriere ecc…e più localmente per la cura e mantenimento di ampie aree verdi.

Tutti i progetti nella loro durata variano molto da realtà a realtà, a seconda chiaramente dei bisogni di chi li presenta, comunque da un minimo di 3 ad un massimo di 10 mesi.

“Nell’ampio panorama, altro canale dove potrebbe trovare spazio la tipologia dei progetti legati all’intervento 19 sono gli enti denominati IPAB, nello specifico le case di riposo, in alcune realtà del Trentino accade.

Silvia Fattore

Lascia un commento

Commenta o Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: